Dizione e Public Speaking

a cura di Roberta Gesuè.

 

Le parole non sono innocenti.

Sono, insieme al linguaggio non verbale, lo strumento principale di approccio agli altri. Attraverso l’uso che se ne fa si può allontanare, ferire, oppure persuadere e ottenere successi.

Le parole non sono innocenti, hanno propria storia e identità e non rispettarne le caratteristiche distintive ci fa correre il rischio di banalizzarle, svuotarle e disperderle.
Ad esempio le parole “viso” e “faccia”, apparentemente equivalenti, a ben guardare suonano diverse: la prima è più gentile della seconda, e la differenza è ancora più netta se addolcisco la pronuncia della “s” di viso come suggeriscono le regole dettate dai linguisti.
La scelta delle parole e il modo di pronunciarle quindi, modifica in modo sensibile il messaggio e predispone in modo altrettanto diverso chi ascolta, influenzandone il giudizio. Ecco perché è uno sbaglio credere che un modello di riferimento non serva a tutti.

DIZIONE, IMPOSTAZIONE DELLA VOCE E PUBLIC SPEAKING:
lezioni sulla corretta pronuncia della lingua italiana per coloro che volessero approcciarsi al mondo del teatro, del doppiaggio, dello speakeraggio o semplicemente migliorare il modo di parlare;
IMPOSTAZIONE DELLA VOCE: come padroneggiare la respirazione diaframmatica e utilizzare lo strumento voce per ottenere vari tipi di vocalità e proiezione del suono senza sforzare l’apparato fonatorio, utilizzando le risonanze del corpo;
PUBLIC SPEAKING: per coloro che avessero difficoltà ad esprimersi verbalmente a causa di ansia da prestazione, timidezza o panico, con lo scopo di superare questi ostacoli e di arricchire l’espressività in pubblico grazie all’uso del linguaggio del corpo;
LETTURA ESPRESSIVA: le lezioni mirano ad acquisire le nozioni base della tecnica di interpretazione vocale e a rintracciare i nodi testuali mediante un’analisi approfondita.

Le lezioni possono essere individuali o di gruppo.

 

Masterclass di chitarra con Ciro Manna

ciro manna

Improvvisazione, Groove e Professione Turnista. Questi i tre temi principali della Masterclass con Ciro Manna organizzata da La mela di Odessa e UnderBeat.

Domenica 21 gennaio ore 16:00

Posti limitati. Prenotazione obbligatoria.

Attestato di frequenza.

 

Per info e prenotazioni:

0825 666928 / 335 1011582

mdo@meladiodessa.it / info@scuolaunderbeat.it

 

Biografia:

Ciro Manna nasce nel 1981 e comincia all’età di quattordici anni a dedicarsi alla chitarra in modo serio e costante; da subito inizia a suonare in vari club e con diversi artisti, partecipando a varie manifestazioni e ottenendo diversi riconoscimenti come miglior strumentista.
Studia all’Università della Musica di Roma e in altre scuole con i migliori chitarristi del panorama italiano e, nel contempo, partecipa a vari seminari con chitarristi internazionali come Mike Stern, Andy Timmons, Carl Verheyen, Guthrie Govan e Mats Hedberg.
All’età di diciotto anni collabora con la nota agenzia locale “Azzurra spettacoli” tramite la quale suona in tutta Italia e con numerosi artisti aprendo concerti di Riccardo Fogli, New Trolls, Franco Fasano ed altri ancora.
Nel 2004 viene ingaggiato da Gianni Fiorellino, con il quale attualmente collabora, partecipando a diverse manifestazioni in cui collabora con altri artisti, quali Letizia Contadino, finalista del programma “Sei un Mito”, andando in onda su SKY in occasione dell’evento “Insieme con Mimì”, Mariella Nava, Gianni Nazzaro ed altri ancora.
Nel 2007 pubblica il suo disco d’esordio “FEEL’N’GROOVE” all’insegna del rock-funk con contaminazioni jazz, nel quale si avvale della collaborazione di noti musicisti dell’Agro-aversano come Antonio Muto alla batteria, Marco Galiero al basso ed Angelo Abate alle tastiere e al pianoforte; partecipano alla lavorazione del disco due ospiti d’eccezione: Pietropaolo Veltre, bassista casertano, e Alex Argento, talentuoso tastierista siciliano, noto anche per le sue collaborazioni d’oltreoceano. Il disco ha ottenuto vari ricoscimenti: è stato recensito, infatti, da importanti riviste del settore, come “Axe Magazine”, “Percussioni” e “Chitarre”, ma anche da mensili, come “Fresco di Stampa”, il settimanale “Radici”e il portale www.saturnonet.it. Al disco si sono interessati anche riviste straniere, come la “Sweden Rock Guitarist” e “20th Century Guitar”, siti, come l’americano www.proggnosis.comwww.rootstime.be ewww.guitarinstructor.com , e radio come la romana “Radio Basile” e l’australiana “Radio Fretnet”, che in diverse occasioni ha mandato in onda i pezzi del disco.
Dal 2008 collabora con l’Associazione “Fa Re Musica” di Santa Maria a Vico (CE) nell’organizzazione di clinic di chitarristi internazionali, come Frank Gambale, Greg Koch, Steve Vai, Robben Ford, e di concerti, suonando con Carl Verheyen (Supertramp), Andy Timmons, Greg Howe (Michael Jackson, Enrique Iglesias, Victor Wooten), Guthrie Govan (Asia), Dave Kilminster (Roger waters) e Paul Gilbert (Racer x , Mr Big), di cui apre anche i concerti.
Nel gennaio 2010 suona nell’orchestra diretta dal M° Renato Serio in occasione del “Concerto dell’Epifania” in onda su Rai 1 accompagnando artisti come Fabio Concato, Silvia Mezzanotte, Rosalia de Souza. In occasione del concerto “Dieci stelle per Madre Teresa” (dicembre 2010), in onda su Rai1, suona nell’orchestra del M° Bruno Santori, accompagnando artisti quali Ivana Spagna, Amedeo Minghi, gli Stadio; a gennaio 2011 partecipa alla successiva edizione del “Concerto dell’Epifania”, sempre in onda su Rai1 e diretto dal M° Renato Serio, suonando con i Mattia Bazar, Simona Molinari, gli Audio 2 e Sarah Jane Morris.
Nel 2011 Ciro Manna prende parte a diverse trasmissioni televisive, quali “Mettiamoci all’opera” (dicembre 2011, Rai1 con la conduzione di Pupo, nell’orchestra diretta dal M° Enzo Campagnoli), “Attenti a quei due” (gennaio/ febbraio 2012, Rai1 con la conduzione di Paola Perego e Biagio Izzo, nell’orchestra diretta dal M° Stefano Palatresi), “Non sparate sul pianista” (marzo 2012), Rai1 con la conduzione di Fabrizio Frizzi, nell’orchestra del M°
Stefano Palatresi, dove ha occasione di accompagnare Pino Daniele, Gino Paoli e Michael Bolton) , “Amici” (aprile 2012, Canale5, con la conduzione di Maria De Filippi, nell’orchestra del M° Peppe Vessicchio, dove ha occasione di suonare con alcuni tra i cantanti pop più in voga del momento, come Emma e Alessandra Amoroso),”Napoli Prima e dopo” (luglio 2012) e “Cantare è D’amore” (settembre 2012) entrambe su Rai uno nell’orchestra diretta dal maestro E. Campagnoli.
Nel 2013 Partecipa al “Concerto dell’Epifania” in onda su Rai 1, alla trasmissione “Italia’s Got Talent” e ad “Amici Di Maria de Filippi” su Canale 5, al “festival di Castrocaro”(luglio 2013) e ”Napoli Prima e dopo” (agosto 2013) in onda entrambe su Rai uno.
Attualmente, contemporaneamente agli impegni televisivi, è occupato nella realizzazione del primo metodo didattico sul linguaggio jazz-rock e nella registrazione del secondo lavoro strumentale, avvalendosi di special guests come Simon Phillips (Toto), Leland Sklar (Toto, James Taylor, Phil Collins), Paul Gilbert, Andy Timmons, Guthrie Govan ed altri.

Laboratorio di Propedeutica Musicale

a cura del M° Emanuela Curato

Sono aperte le iscrizioni ai corsi collettivi di Propedeutica Musicale, rivolti ai bambini dai 18 mesi ai 6 anni, organizzati in classi per età. I corsi hanno come obiettivo quello di avvicinare i bambini alla musica attraverso il gioco, il canto, l’ascolto, l’uso di strumentini a percussione e fiabe musicali.
Il corso è strutturato in 3 livelli: base, intermedio e avanzato. Il primo fornisce appunto le conoscenze di base, il secondo approfondisce la conoscenza degli strumenti, il terzo è finalizzato all’approfondimento dell’aspetto ritmico, attraverso la body percussion, e di quello armonico, con l’orchestra di violini. Mentre il primo è propedeutico agli altri due, gli altri sono interscambiabili tra loro. Ogni livello ha la durata di circa tre mesi.

Lo sviluppo del bambino attraverso la musica
La musica svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo globale dell’individuo.
Agisce sugli stati d’animo più profondi e sulle emozioni, è nutrimento della mente e dello spirito ma anche divertimento, gioco, strumento per sviluppare le potenzialità espressive e creative della persone.
Vera e propria forma di comunicazione, la musica entra in gioco nella vita del bambino fin dai suoi inizi e gli permette di interagire con gli altri e con l’ambiente. Il fare musica in famiglia, giocando con la voce e con i suoni, rafforza il legame affettivo tra adulto e bambino ed è fonte di benessere.
La qualità dell’ambiente musicale in cui il bambino cresce incide profondamente sulle capacità di capire, di apprendere e di amare la musica.
La musica non deve essere privilegio di pochi, ma patrimonio di tutti.

Già tra il 5° e il 6° mese di gravidanza il feto reagisce agli stimoli sonori e li riconosce. In gravidanza è importante cantare e ascoltare musica. Una volta venuto al mondo il bimbo è in grado di riconoscere le melodie ascoltate traendo effetti rassicuranti dall’interazione con la mamma.
Limitare la presenza di rumori nelle case crea condizioni che rendono più piacevole l’ascolto e la produzione di suono. Bisogna prestare attenzione ai bambini, ascoltando e valorizzando le loro scoperte sonore, e offrendo loro oggetti e piccoli strumenti che producono suoni.

Nel corso del 1° anno i bambini:
– sono sensibili ai suoni e alla musica;
– distinguono le voci familiari e si tranquillizzano ascoltando la voce della madre;
– individuano la provenienza dei suoni;
– manifestano interesse per gli oggetti che producono suono;
– riconoscono e mostrano preferenze per i canti e i brani musicali ascoltati;
– producono vocalizzazioni e lallazioni che amano ripetere soprattutto quando dialogano con un adulto;
– colgono le diverse espressioni della voce;
– fanno i primi tentativi di canto;
– si muovono a ritmo di musica;
– percuotono oggetti per produrre suoni.

Da uno a sei anni i bambini mostrano una forte attrazione verso gli oggetti che producono suoni. In principio la produzione dei suoni è casuale, poi diventa gradualmente più intenzionale e organizzata.
Man mano che i bambini crescono, ripetendo e variando melodia e ritmo dei canti, si amplia il loro repertorio di canzoni, abbinandole anche a gesti e giochi di movimento. Ascoltare canzoncine, ninne nanne, filastrocche e brani musicali con i bambini, sollecitandoli a partecipare cantando, battendo le mani, accompagnando con strumenti, asseconda la naturale attitudine dei bambini a reagire alla musica con il movimento del corpo.
E’ importante proporre una ricca varietà di generi musicali, e abituare precocemente i bambini all’ascolto di musica dal vivo.
Verso i due anni molti bambini accompagnano con canti improvvisati e spontanei le attività di gioco, riproducono canti per imitazione, dapprima in modo approssimativo, poi sempre più intonato. Il movimento in risposta alla musica diventa sempre più vario.
A partire dai tre anni viene sperimentata la possibilità di associare a ritmi diversi movimenti e gesti diversi.
Intorno ai 5/6 anni sono già in grado di possedere un buon repertorio di canzoni.

La TV e i bambini
La TV attrae i bambini che riconoscono le sigle e le colonne sonore preferite.
I programmi televisivi devono però sempre essere visti e commentati insieme ai genitori.
L’intervento dei genitori è prezioso, quando la musica è presente nella vita quotidiana: si impara a cantare così come si impara a parlare, e a pensare.
Un ambiente familiare musicalmente stimolante, dove i genitori propongono ai bambini di giocare con la voce e con i suoni, rafforza il legame affettivo all’interno della famiglia ed è terreno favorevole in cui poter sviluppare le esperienza musicali successive.

In conclusione, la musica aiuta il bambino a:
– sviluppare le capacità di ascolto e osservazione dell’ambiente sonoro;
– ascoltare sé stesso e gli altri;
– esprimere idee e emozioni;
– sviluppare le capacità comunicative;
– accrescere le capacità di attenzione e concentrazione;
– esercitare la memoria.

Corso GRATUITO di TECNICO DEL SUONO

tecnico del suonoWEB

Decreto n° 34 del 26/01/2016 Dipart.54 Dir. Gen. Dir. Staff Dip. 11 UOD/Staff Dir. Gen. 6 D.D. 125 del 05/05/2015

Approvazione Avviso attivazione Catalogo “Garanzia Giovani Formazione”

CATALOGO FORMAZIONE “GARANZIA GIOVANI”

Attivazione corsi Piano di Attuazione Regione “Garanzia Giovani”

L’Ente di formazione “AS.FOR.IN. di Avellino” organizza un corso GRATUITO di TECNICO del SUONO della durata di 200 ore.

Il corso è rivolto ad un massimo di 20 giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, iscritti o che si intendono iscrivere al Piano  Garanzia Giovani.

Gli interessati potranno candidarsi al corso direttamente dal portale www.cliclavoro.lavorocampania.it CATALOGO FORMATIVO  accedendo con le proprie credenziali e selezionando il corso interessato.

Il corso si svolgerà nelle sedi di AS.FOR.IN., dell’ “Associazione Culturale La Mela di Odessa” e di “Marco Ruggiero Sound Design”, per un massimo di 6 ore al giorno. Sono previste 64 ore di teoria e 136 ore di esercitazioni pratiche che verranno svolte in strutture e services altamente specializzati.

Per qualsiasi difficoltà, e se hai bisogno di ulteriori informazioni e chiarimenti puoi rivolgerti agli uffici “AS.FOR.IN.”, in Via Fratelli Bisogno n° 41 Avellino, chiamare ai numeri di telefono: 0825.22711 e 800194338 e/o scrivere all’indirizzo email asforin@asforin.it

Laboratorio di canto corale a cura del M° Emanuela Curato

Se ti piace cantare, La mela di Odessa organizza dei laboratori di canto corale aperti a tutti, a cura del M° Emanuela Curato.
 
Gli obiettivi generali del corso sono:
 
– Formazione e miglioramento delle capacità percettivo-uditive;
– Formazione e miglioramento del senso ritmico;
– Capacità di intonare brani facili a una o più voci, sia per imitazione che decodificando la notazione musicale su pentagramma;
- Formazione dell’attitudine al canto polifonico, ovvero saper ascoltare gli altri ascoltando sè stessi.
 
Obiettivi più spedifici saranno elaborati ed articolati nel tempo e nel livello dei contenuti, una volta in possesso delle nozioni di base.
 
 
Per Informazioni:
 
Associazione Culturale Musicale
La mela di Odessa
via S. Soldi 9,
83100 Avellino
 
tel: 0825 666928
mobile: +39 3351011582
www.meladiodessa.it
mdo@meladiodessa.it

Masterclass di Tommy Smith

Sabato 7 marzo 2015 ore 10:30 presso Tilt! tattoo bar & events – via Sellitto 17/19 Avellino
per info e prenotazioni: 331 8030258
parteciperanno:
Marco de Tilla – contrabbasso
Marco De Gennaro – pianoforte
Gino Del Prete – batteria
La mela di Odessa, in collaborazione con TILT, è lieta di ospitare la masterclass di Tommy Smith (1967), uno dei sassofonisti europei più rappresentativi della sua generazione e fondatore della Scottish National Jazz Orchestra (SNJO). La sua carriera musicale si definisce meglio attraverso la registrazione di CD con artisti di caratura internazionale come leader, compositore, arrangiatore e non ultimo come jazz educator. Ha nel suo curriculum discografico circa 26 cd come solo e come leader registrando per la Blue Note, la Linn, la ECM e la sua etichetta Spartacus Records. Tra le sue collaborazioni si evincono alcuni tra gli artisti jazz internazionali più importanti al mondo come: Gary Burton, Chick Corea, Jack DeJohnette, Kenny Barron, Arild Andersen, John Scofield, Trilok Gurtu, Kurt Elling e tantissimi altri…Tommy Smith è anche fondatore e Direttore della Tommy Smith Youth Jazz Orchestra e attualmente è il direttore del dipartimento di jazz del “Royal Conservatoire of Scotland”.
Riceve inoltre tre riconoscimenti di grande importanza quali: “honorary doctorates from Heriot-Watt, Glasgow Caledonian & Edinburgh Universities and a Professorship from the RCS”. Infine il suo ultimo album riceve il settimo “Scottish Jazz Award” per il miglior album nel 2012.
Tommy Smith è endorser D’Addario.
costo: € 20 a persona
La masterclass è aperta a tutti gli strumentisti e i cantanti.
Sarà rilasciato attestato di partecipazione.
L’appuntamento è per il giorno 7 marzo 2015 alle ore 10:30 presso TILT bar tattoo & events, in via Sellitto 17/19 ad Avellino
per info e prenotazioni:
Ass. Cult. Mus.
La Mela Di Odessa
via S. Soldi 9
83100 Avellino
Mobile: 331 8030258 – Tel: 0825 666928 (La segreteria è aperta dal lunedì al sabato dalle ore 15 alle ore 20)www.meladiodessa.itVi ricordiamo inoltre che la sera del 7 marzo Tommy Smith suonerà presso il club “La contessa” di Ospedaletto d’Alpinolo con una band d’eccezione:

……………………..………“North Wind”……………………………….
Giuliana Soscia/ accordion, compositions, arrangements
Pino Jodice / piano, compositions, arrangements
Luca Pirozzi /double bass
Valerio Vantaggio /drums

info e prenotazioni tel. 3921554207 (prenotazione consigliata)

Dalla lunga collaborazione tra Pino Jodice, Giuliana Soscia e Tommy Smith nasce “North Wind”, un progetto jazzistico di grande interesse e contaminazione. Un viaggio musicale quindi nel jazz Nord-Europeo (precisamente scozzese) attraverso le composizioni del grande tenor sax scozzese Tommy Smith e quelle di Pino Jodice e Giuliana Soscia. Pino Jodice ha realizzato in passato un cd dal titolo “High Tension” con Tommy Smith e Dick Oatts per la Splash Records e continua a collaborare per la Scottish National Jazz Orchestra come arrangiatore scrivendo per Bradford Marsalis, John
Scofield, Gary Burton e tantissimi altri grandi del jazz americano. Giuliana Soscia partecipa nel 2008 come solista con la stessa orchestra in un progetto dedicato al Tango Argentino, attraverso arrangiamenti jazzistici di brani di Astor Piazzolla, e al Brasile. Il tour nel 2015 permette quindi di fissare questa collaborazione che mette a confronto il jazz italiano con quello internazionale
evidenziando la grande empatia musicale che esiste tra Giuliana Soscia, Pino Jodice e Tommy Smith attraverso un grande interplay e la personale interpretazione delle composizioni originali affrontate nei live che saranno impresse poi su cd proprio in quei giorni. La band si completa con altri due musicisti di elevato spessore artistico e consueti collaboratori di Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet e sono Luca Pirozzi al contrabbasso e Valerio Vantaggio alla batteria. Una proposta, insomma, di grande valore che vale la pena essere ascoltata con attenzione immergendosi senza confini in questa avvincente contaminazione di due mondi solo geograficamente lontani ma saldamente fissati da una lunga amicizia e stima reciproca.

Masterclass di Contrabbasso jazz con Henrik Jensen

Masterclass_Jensen

L’Associazione culturale musicale “La mela di Odessa”, in collaborazione con Cledart Music, è lieta di presentarvi…

I Masterclass di Contrabbasso Jazz con HENRIK JENSEN

Domenica 9 novembre 2014 ore 15

 

Contrabbassista-compositore danese, residente a Londra, Henrik Jensen ha studiato alla Royal Academy of Music diventando una figura di spicco della scena jazz londinese. Ha suonato in tutta Europa con molti grandi jazzisti contemporanei e da anni insegna jazz. Nel suo seminario, presso l’Associazione “La mela di Odessa”, parlerà dell’importanza della chiarezza attraverso l’intonazione, il ritmo, la scelta delle note e tratterà la costruzione del “walkin bass”. Eseguirà infine una sua composizione di contrabbasso solo, tratta dal suo album di debutto “Qualia”, dando dimostrazione di come costruire assoli melodici e concettuali attraverso l’utilizzo di differenti tecniche.

 

Associazione Culturale Musicale
La mela di Odessa
via Serafino Soldi 9
83100 Avellino
www.meladiodessa.it
www.facebook.com/meladiodessa

Per info sulle modalità di partecipazione, e per prenotazioni:
tel. 0825 666928 (dal lunedì al sabato ore 15-20)
mobile 335 1011582
mdo@meladiodessa.it

Il seminario è aperto a tutti i musicisti e ad eventuali uditori. A coloro i quali non siano già soci dell’Associazione sarà richiesta la sottoscrizione di una tessera giornaliera per partecipare all’evento.
Sarà rilasciato attestato di partecipazione.

Henrik Jensen 

Henrik

HENRIK JENSEN BIO

Bassista e contrabbassista di origine Danese, Henrik Jensen inizia la sua carriera a Londra nel 1997 dove inizia a studiare basso elettrico presso il Musicians Institute . In seguito avviene il passaggio al contrabbasso e diventa allievo presso la Royal Accademy of Music nel corso di studi Under Graduate Jazz. In questo periodo studia con vari maestri tra cui Jeff Clyne, Steve Watts, Jeremy Brown e Anders Jormin.

La versatilità musicale di Jensen lo vede lavorare in diverse formazioni e con una serie di importanti musicisti jazz come Martin Speake, Pete Wareham, Stan Sultzman, Asaf Sirkis, Roger Beaujolai. Jensen è anche leader di un quartetto a suo nome ‘Followed by Thirteen’ da lui fondato nel 2010. Il gruppo, formato da Andre Canniere – tromba, Esben Tjalve – pianoforte e Pete Ibbetson – batteria è guidato da composizioni proprie di Jensen e l’album di debutto Qualia è stato pubblicato nel 2013.

Henrik Jensen ha uno stretto rapporto di collaborazione con il sassofonista Berlinese Peter Ehwald con cui ha registrato nel 2008 l’album Songs Of Trees con ‘The North Trio’ al 33 Jazz Club e nel 2011 l’album in duo Jensen/Ehwald , registrato nella Union Chapel (Londra). E’ anche membro del ‘The Velasierra Gruppo Mauricio’ (World / jazz ) con cui ha recentemente registrato un album. Henrik Jensen suona anche nel trio “The Way That You Do It” con il pianista Arthur Lea e il batterista Pete Ibbetson. Negli ultimi sei anni Jensen ha inoltre lavorato con il trio vocale inglese ‘The Puppini Sisters “, con i quali ha svolto tour in tutto il mondo e registrato per importanti major quali la Verve e UMG.

Per chi fosse interessato la sera del 9 novembre Henrik Jensen sarà in concerto con il batterista Antonio Fusco e con Bruno Heinen (piano), ovvero con  “THE BILBO TRIO” alle 22:00 presso  “LA TAVERNA DEI RE” a Pratola Serra (AV).

Per chi partecipa alla/e masterclass: fino a 20 persone sconto del 30% e oltre le 20 persone sconto del 40% sul totale prezzo cena.

Masterclass di Chitarra e Improvvisazione jazz con Vittorio Silvestri

MasterclassVittorioS

Masterclass di Chitarra e Improvvisazione Jazz con Vittorio Silvestri

Sabato 8 marzo 2014 ore 15-18

Vittorio Silvestri, avellinese di origine, da anni trasferitosi in Francia, è un chitarrista jazz di livello internazionale. Ha suonato in tutta Europa con molti grandi jazzisti contemporanei e da anni insegna jazz. Nel suo seminario, presso l’Associazione “La mela di Odessa”, tratterà di armonia e di tecniche di arrangiamento e di improvvisazione jazz. L’ultima parte del seminario sarà dedicata al suonare insieme, e quindi alla pratica dell’improvvisazione.
Associazione Culturale Musicale
La mela di Odessa
via Serafino Soldi 9
83100 Avellino
www.meladiodessa.it
www.facebook.com/meladiodessa

Per info sulle modalità di partecipazione, e per prenotazioni:
tel. 0825 666928
mobile 335 1011582
mdo@meladiodessa.it

Il seminario è aperto a tutti i musicisti e ad eventuali uditori. A coloro i quali non siano già soci dell’Associazione sarà richiesta la sottoscrizione di una tessera giornaliera per partecipare all’evento.
Sarà rilasciato attestato di partecipazione.

VITTORIO SILVESTRI
chitarrista, compositore

BIOGRAFIA
E’ con suo padre, contrabbassista, che compie i suoi primi studi di musica.
Nel 1988 studia jazz presso la St. Louis Jazz School di Roma, e ha le sue prime esperienze nei locali della città.
Nel 1991, trasferitosi a Milano, segue gli insegnamenti di A. Pizzigoni e Franco Cerri, per poi proseguire i suoi studi alla Scuola di Siena Jazz.
Collabora a diversi stage, tra cui un seminario di tecnica e improvvisazione, con Paolo Fresu;
si esibisce con diversi musicisti tra cui Furio Di Castri, Stefano Cantini, Tony Scott, e crea il suo gruppo con cui calca numerosi palcoscenici in tutt’Italia e nei Paesi Bassi, dove si stabilisce per qualche tempo e suona, tra gli altri, con Han Bennink.
Nel 1995, tornato in Italia, si esibisce con il suo trio in un tour italiano, che passa anche per Roma, Napoli e Bologna.
Nel 1999 si trasferisce in Francia, dove suona con Eric Lelanne, Michel Altier, Vincent Calmettes, Richard Scott, Bruno Aznar, Jean-Pierre Barreda, Thomas Fontvielle, Francesco Castellani, Mario Stanchev, Fred Monino, Didier Del Aguila, Marc Fosset, Mandino Reinhardt, J.Paul Florens, Frank Nicholas, Andrè Villegier, Florence Fourcade, Christian Escoude, Olivier Ker Ourio e molti altri. Ha successo sia nei club che nei festival (Marciac, Printemps du Jazz/Thèatre de Nimes, Espace Gard/Festival de la Guitare, International de la Guitare de Montpellier, Festival de la Guitare de Issoudin, IMFP/Salon-de-Provence e molti altri).
Registra con numerose formazioni e crea una sua nuova band che gli permette di suonare i suoi arrangiamenti e le sue composizioni e con cui apre i concerti di Birely Lagrene e La “Art Ensamble of Chicago”, Monty Alexander, Emmanuel Bex.
Dal 2001, con Pascal Salè e Vincent Calmettes, fonda il trio TRI-X che si esibisce in numerosi festival e club europei. Con i TRI-X registra due CD, entrambi recensiti su Jazz magazine.
Parallelamente insegna chitarra, armonie e improvvisazione jazz presso la scuola “Chorus” di Nimes e la Jam di Montpellier. Tiene abitualmente seminari, stage e masterclass in giro per l’Europa.

DISCOGRAFIA
Marco Zurzolo – Polvere di Napoli (1997)
Bruno Aznar – Keekong (1999)
Gadjo Trillo – Bluetrain (2002)
Peter et l’arbre magique – Ecole de Saint Anasthasie (2002)
Cafarnal Tribu (2003)
Flourence Fourcade – About love (2005)
Cafarnal Compilation (2005)
Harpiswing quartet – Camac (2006)
TRI-X I – Bluetrain (2006)
TRI-X II – Bluetrain (2007)
Flourence Fourcade – All Compositions (2009)
Olivier Caillard – 12 Chansons pour les enfants (2009)
Flourence Fourcade – Best of swing (2010)
Hot Club De Montpellier (2011)
Vincenzo Saetta – Ubik – cinik record (2012)
Josefa – Live again production (2013)

PREMI
Prix du Festival International de La Gaude (2005)
6° au Concours International de l’Acadèmie de Musique Fondation Prince Ranieri (2002)

 

Teoria e pratica musicale

a cura di Riccardo Distasi

“Uno sguardo obliquo“ alle strutture ritmiche e armoniche di oggi: come si costruisce l’intelaiatura di un brano? Tra gli argomenti trattati, trasversali a tutta la musica: approccio naturale all’improvvisazione; creazione di formule ritmiche originali; dissezione di un brano da classifica; gestione della paura del palcoscenico.

L’inizio del corso è previsto per novembre 2011.
Le lezioni si terranno presso la sede dell’associazione, in via Serafino Soldi 9, Avellino.

X info e prenotazioni:
0825 666928
335 1011582
mdo@meladiodessa.it

Improvvisazione jazz

A cura di Marco de Tilla

Avvicinamento alla musica improvvisata e preparazione alla professione di musicista jazz sono due laboratori aperti a tutti gli strumenti, dedicati a tutti coloro che hanno già una preparazione tecnica di base e sono interessati a conoscere le dinamiche e il modo di porsi all’interno di un gruppo. Verrà proposto repertorio dal mainstream dei musicisti classici come Coltrane, Chet Baker, Bill Evans o Monk, al repertorio moderno di Joshua Redman, Kenny Garrett, Jarrett e la ECM, Charlie Haden, fino allo studio dei tempi dispari e della musica dei giorni nostri.

L’inizio dei corsi è previsto per novembre 2011.
Le lezioni si terranno presso la sede dell’associazione, in via Serafino Soldi 9, Avellino.

X info e prenotazioni:
0825 666928
335 1011582
mdo@meladiodessa.it